Salve a tutti sono appena stato accettato dal forum e volevo subito porvi un quesito

Discussioni su identificazione, ambienti e comportamenti, informazioni e curiosità relative a serpenti e tartarughe, rospi e rane del nostro territorio

Moderatore: Luca Lapini

Regole del forum
Per ragioni di tutela della fauna, evitiamo di indicare con precisione la stazione in cui si trova una specie rara o minacciata
Rispondi
Avatar utente
Matteo Bordignon
Messaggi: 5
Iscritto il: 5 apr 2021
Socio di A.ST.O.R.E.: NO

Salve a tutti sono appena stato accettato dal forum e volevo subito porvi un quesito

Messaggio da Matteo Bordignon » 6 apr 2021

Ciao a tutti sono Matteo e mi sono appena iscritto al forum
Sono un agricoltore biologico laureato in scienze Naturali.
Vorrei che qualcuno mi aiutasse a capire di quale specie di raganella si tratta il soggetto qui in foto


Avatar utente
Matteo Bordignon
Messaggi: 5
Iscritto il: 5 apr 2021
Socio di A.ST.O.R.E.: NO

Re: Salve a tutti sono appena stato accettato dal forum e volevo subito porvi un quesito

Messaggio da Matteo Bordignon » 6 apr 2021

L'ho trovata in provincia di Treviso veneto ma non mi sembra ne una hyla intermedia né una arborea....

Avatar utente
Luca Lapini
Moderatore
Messaggi: 392
Iscritto il: 20 giu 2012
Socio di A.ST.O.R.E.: NO

Re: Salve a tutti sono appena stato accettato dal forum e volevo subito porvi un quesito

Messaggio da Luca Lapini » 11 apr 2021

Ciao

Si tratta di Hyla perrini, la raganella padana

Luca Lapini

Avatar utente
Matteo Bordignon
Messaggi: 5
Iscritto il: 5 apr 2021
Socio di A.ST.O.R.E.: NO

Re: Salve a tutti sono appena stato accettato dal forum e volevo subito porvi un quesito

Messaggio da Matteo Bordignon » 11 apr 2021

Quindi è una nuova specie o una sottospecie della hyla arborea?
Grazie

Avatar utente
Luca Lapini
Moderatore
Messaggi: 392
Iscritto il: 20 giu 2012
Socio di A.ST.O.R.E.: NO

Re: Salve a tutti sono appena stato accettato dal forum e volevo subito porvi un quesito

Messaggio da Luca Lapini » 12 apr 2021

Mi pare di capire che non sei molto aggiornato

In Italia Hyla arborea vive soltanto sul Carso triestino e goriziano e nel tarvisiano (e forse in Alto Adige)

Nel resto della Penisola si pensava vivesse Hyla intermedia (Nord, Centro, Sud e Sicilia), Hyla sarda (Sardegna e Isola d'Elba) e Hyla meridionalis (Liguria)

Le cose si sono rivelate ancora più complesse, come spesso accade in Italia, paese europeo ad elevatissima biodiversità

Infatti l'endemita italico Hyla intermedia si è recentemente rivelato essere in realtà suddiviso in due specie distinte

L'una endemica dell'Italia padana a Sud fino agli Appenini

L'altra endemica dell'Italia meridionale e della Sicilia

La seconda ha conservato il nome intermedia (la sua Terra typica, infatti, sono i dintorni di Palermo)

La prima è stata dedicata a un insegnante svizzero ed è stata descritta solo da poco (Dufresnes C, Mazepa G, Rodrigues N, Brelsford A, Litvinchuk SN, Sermier R, Lavanchy G, Betto-Colliard C, Blaser O, Borzée A, Cavoto E, Fabre G, Ghali K, Grossen C, Horn A, Leuenberger J, Phillips BC, Saunders PA, Savary R, Maddalena T, Stöck M, Dubey S, Canestrelli D, Jeffries DL. 2018. Genomic evidence for cryptic speciation in tree frogs from the Apennine Peninsula, with description of Hyla perrini sp. nov. Frontiers in Ecology and Evolution 6: 144.)

Endemita italo-svizzero-sloveno

Quella che hai ripreso è proprio quest'ultima

Come immaginerai, nonostante i dati di separazione fra intermedia e perrini siano incontrovertibili, ci sono molti cacadubbi che sono scettici su parametri di separazione soprattutto genetici

Ma si tratta di prese di posizione destinate ad essere rapidamente superate dal progredire delle conoscenze (https://amphibiansoftheworld.amnh.org/A ... la-perrini)
oggi più che mai orientate ad approfondire le distanze genetiche tra le diverse specie viventi

Cordialità, Luca Lapini

Avatar utente
Luca Lapini
Moderatore
Messaggi: 392
Iscritto il: 20 giu 2012
Socio di A.ST.O.R.E.: NO

Re: Salve a tutti sono appena stato accettato dal forum e volevo subito porvi un quesito

Messaggio da Luca Lapini » 12 apr 2021

Le posizioni sono comunque ancor poco condivise, tanto che anche la commissione tassonomica della Società Erpetologica Europea si è da poco espressa raccomandando prudenza nell'adozione di decise posizioni nei confronti di Hyla perrini
(Speybroeck, J., W. Beukema, C. Dufresnes, U. Fritz, D. Jablonski, P. Lymberakis, Í. Martínez-Solano, E. Razzetti, M. Vamberger, M. Vences, J. Vörös, and P.-A. Crochet. 2020. Species list of the European herpetofauna—2020 update by the Taxonomic Committee of the Societas Europaea Herpetologica. Amphibia-Reptilia 41: 139–189 (DOI:10.1163/15685381-bja10010).)

La nuova specie padana, tuttavia, certamente rappresenta una speciale unità evolutiva di interesse conservazionistico meritevole di speciale attenzione

Avatar utente
Matteo Bordignon
Messaggi: 5
Iscritto il: 5 apr 2021
Socio di A.ST.O.R.E.: NO

Re: Salve a tutti sono appena stato accettato dal forum e volevo subito porvi un quesito

Messaggio da Matteo Bordignon » 13 apr 2021

Grazie per la spiegazione esaustiva, mi sono iscritto apposta al forum per tenermi aggiornato, altrimenti avrei continuato a fare l'agricoltore appassionato di flora e fauna 😉

Avatar utente
Luca Lapini
Moderatore
Messaggi: 392
Iscritto il: 20 giu 2012
Socio di A.ST.O.R.E.: NO

Re: Salve a tutti sono appena stato accettato dal forum e volevo subito porvi un quesito

Messaggio da Luca Lapini » 16 apr 2021

Grazie per il tuo speciale interesse

In effetti l'avvento di recenti metodologie bio-molecolari solleva il velo su molte specie criptiche, al punto che le specie di anfibi nel mondo erano circa 4000 nel 1980 e oggi sono quasi il doppio

Uno dei paradossi della nostra epoca

In un periodo di crisi record della biodiversità su scala mondiale sembra che la situazione complessiva sia notevolmente migliorata

Non è così

Semplicemente stiamo colmando carenze da "Linnean shortfall" (ignoranza su varietà e numeri della biodiversità reale) con metodiche nuove ad altissima risoluzione, in apparente contrasto con le conoscenze pregresse

Esse erano particolarmente ridotte soltanto perché sostanzialmente riferite a metodi di studio morfologico. con una minore risoluzione tassonomica

In realtà le estinzioni su scala mondiale sono davvero preoccupanti, anche se scopriamo continuamente che molte entità un tempo considerate una sola specie sono gruppi di forme affini altamente differenziate

Cordialità, Luca Lapini

Rispondi