Nuovo limite meridionale dell'espansione di Canis aureus in Italia

Discussioni su identificazione, ambienti e comportamenti, informazioni e curiosità relative ai mammiferi selvatici del nostro territorio

Moderatore: Luca Lapini

Rispondi
Avatar utente
Luca Lapini
Moderatore
Messaggi: 410
Iscritto il: 20 giu 2012
Socio di A.ST.O.R.E.: NO

Nuovo limite meridionale dell'espansione di Canis aureus in Italia

Messaggio da Luca Lapini » 24 apr 2021

Catissimi,

Canis aureus ha raggiunto la Pineta di San Vitale, Ravenna, sesta provincia dell'Emilia Romagna colonizzata dalla specie e punta estrema della sua espansione verso sud in Italia

Dettagli sulla cosa, risultato recente dei monitoraggi avviati e condotti dal Comune di Ravenna, li trovate qui:

https://drive.google.com/drive/folders/ ... sp=sharing

Buona visione

Stanotte faremo una verifica bioacustica assieme agli autori della segnalazione video per vedere in prima approssimazione se l'animale fototrappolato è un maschio in dispersione o se nella zona si è già insediato un gruppo riproduttivo territoriale

Cordialità, Luca Lapini

Avatar utente
Luca Lapini
Moderatore
Messaggi: 410
Iscritto il: 20 giu 2012
Socio di A.ST.O.R.E.: NO

Re: Nuovo limite meridionale dell'espansione di Canis aureus in Italia

Messaggio da Luca Lapini » 29 apr 2021

Carisssimi,

nella notte tra il 24 e il 25 aprile 2021, grazie all'appoggio del Comune di Ravenna e della Polizia Locale comunale, è stato possibile effettuare una approfondita survey bio-acustica attorno alla zona oggetto della ripresa video di Canis aureus di cui abbiamo riferito

Operatori presenti L. Lapini, R. Penazzi, N. Castanò, S. Mazzotti, M. Minguzzi

Mezz'ora dopo il tramonto sono state effettuate sette stimolazioni standard sia attorno al bosco della Bedalassona (frazione Nord della Pineta di San Vitale), nei pressi del quale è stato ripreso un esemplare di Canis aureus il primo aprile 2021, sia attorno alla discarica situata tra la loc. Cerba e la loc. Cà Chiavichino, 6-7 km più a sud

Il tempo era eccellente e gli habitat frequentati sono subito apparsi eccezionalmente idonei alla specie, ricchi di canneti, paludi, boschi e siepi interpoderali

Non abbiamo però ottenuto nessuna risposta

In prima approssimazione si deve quindi concludere che l'animale ripreso dalle foto-trappole il primo aprile fosse un maschio in dispersione

La struttura e il cromatismo dell'animale, tuttavia, fa pensare ad un maschio di discreta taglia, adulto o sub-adulto, poco in sintonia con la definizione di giovane disperser (di solito di un anno o due)

Attendiamo ulteriori approfondimenti

Cordialità, Luca Lapini

Rispondi