RE: periodo di nursery e recuperi di pipistrelli

Discussioni su identificazione, ambienti e comportamenti, informazioni e curiosità relative ai mammiferi selvatici del nostro territorio

Moderatore: Luca Lapini

Rispondi
Avatar utente
Luca Lapini
Moderatore
Messaggi: 292
Iscritto il: 20 giu 2012
Socio di A.ST.O.R.E.: NO

RE: periodo di nursery e recuperi di pipistrelli

Messaggio da Luca Lapini » 13 giu 2020

Buongiorno a tutti.

Sono iniziate le nascite nelle nursery di pipistrelli, spesso insediate in abitazioni, edifici rurali e storici.

In questo periodo capita spesso di rinvenire piccoli caduti dal sito di assembramento riproduttivo delle femmine pregne, oppure di percepire con particolare evidenza la loro presenza.

Qui troverete indicazioni su cosa fare per risolvere i problemi più comuni.

https://www.mammiferi.org/girc/recupero-chirotteri/

Il Corpo Forestale Regionale, i Musei di Storia Naturale, il Servizio Recupero Fauna/CFR FVG e i CRAS finanziati dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia possono fornire diversi tipi di supporto.

Un esempio tra mille:

Nella settimana precedente l'11giu2020 è nato il primo neonato di Vespertilione di Bechstein (Myotis bechsteinii) nella nursery protetta dal CFR FVG di Bosco Plessiva (Cormons, Gorizia) (si veda la foto allegata, scattata dall'ottimo Andrea Voncini).
La nursery è monitorata da almeno tre anni sia da Andrea e dal collega F. Cantagalli, sia da Damijana Ota, della stazione Forestale di Gorizia, con l'appassionato supporto di Marco Luca, forestale della Stazione di Cervignano.

Un bell'esempio di come con poco si possa fare molto.

Si tratta dell'unico dato temporale conosciuto riferito alla nascita di questa rarissima specie in Italia nord-orientale.

La specie è considerata il più raro pipistrello europeo, probabilmente soltanto perché specializzato nella vita in nidi di picchio, nei quali costituisce in genere piccole nursery, per lo più di una decina (o ventina) di femmine.

Più probabilmente, quindi, è soltanto poco conosciuto, e nel territorio regionale ha recentemente mostrato le massime concentrazioni riproduttive conosciute, manifestate in un capannone industriale vicino a Tolmezzo.
Questa notevolissima eccezione alla regola (https://storianaturale.comune.fe.it/mod ... hp?c=adgPV) probabilmente si deve all'unione di una ventina di nursery arboree in un'unica grandiosa concentrazione riproduttiva dovuta al lungo abbandono (12 anni) di una grande soffitta (10x30x2,5) a cui si poteva accedere soltanto da un piccolo foro in una parete di legno.
Quasi un enorme nido di picchio, in cui la matriarca deve aver invitato le figlie e le nipoti riproduttive per costituire una enorme famiglia allargata.

Questi animali, infatti, hanno una organizzazione sociale matriarcale simile a quella degli elefanti. La nursery (il gruppo riproduttivo) della matriarca viene continuamente incrementata da figlie e nipoti, che cercano di tornare a riprodursi assieme a lei nella cavità arborea natia. Vista la limitata capienza di un nido di picchio, però, devono più spesso limitarsi a costituire nursery vicine a quelle della matriarca, in nidi di picchio limitrofi, che costituiscono grappoli di nursery imparentate dispersi nei nostri boschi.

Il legame sociale tra questi animali è talmente forte che questo vespertilione dalle lunghissime orecchie è l'unico pipistrello europeo che può essere efficacemente richiamato con richiami acustici ultrasonici, a cui spesso reagisce dirigendosi verso l'altoparlante che emette richiami pre registrati.

Cordialità, Luca Lapini.
Allegati
Myotis bechsteinii neonato Bosco Plessiva 11giu202 foto A Voncini.jpg

Rispondi